Gastroenterite eosinofila
Malattie dell'apparato digerente

Raro disordine infiammatorio dell’apparato gastro-enterico, causato da infiltrazione della parete gastro-intestinale da parte degli eosinofili, globuli bianchi normalmente implicati nei processi allergici. Stomaco ed intestino tenue sono le sedi più frequentemente colpite e a seconda dello strato, più interni o più esterni, della parete dell'organo colpito si distinguono varianti diverse. La variante caratterizzata dall’infiltrazione della tonaca muscolare colpisce più frequentemente lo stomaco e si presenta con nausea, vomito, dolore e distensione addominale. La variante caratterizzata da infiltrazione principalmente a livello della tonaca mucosa e della sottomucosa si manifesta con dolori addominali, nausea, vomito e diarrea. Se l'infiltrazione è particolarmente estesa si può accompagnare a malassorbimento e perdita di peso. Infine la variante caratterizzata da infiltrazione che coinvolge la sierosa, più rara è caratterizzata da accumulo di liquido nell'addome (ascite) contenente eosinofili. Gli esami di laboratorio possono evidenziare un incremento in circolo del numero di eosinofili (eosinofilia). Le cause rimangono ancora essenzialmente sconosciute. In una buona percentuale di pazienti affetti da Gastroenterite Eosinofila vi è una storia familiare di problemi allergici (eczema, rinite, asma). Non è una malattia trasmessa ereditariamente.

Dati epidemiologia

Affligge in ugual misura entrambi i sessi ed indiscriminatamente tutte le età, anche se sembra più frequente nei giovani adulti. Non sono disponibili dati precisi su prevalenza ed incidenza. La prevalenza in Piemonte e Valle d'Aosta è stimata in 3,2 casi

Codice esenzione: RI0030

Ambito di esenzione: nazionale

Parlato